Da Gioia / L'ultimo Aggiornamento 11.11.2021

Perché succede l’errore disco formattato GPT avvio Legacy non è disponibile

Quando si avvia il computer, si può ottenere un messaggio di errore che dice che il disco formattato GPT avvio Legacy non è supportato. Questo errore si verifica a volte dopo aver apportato alcune modifiche al software o all'hardware intenzionalmente o involontariamente.

Come suggerito dall'errore, stai usando la modalità di avvio Legacy che supporta solo l'avvio da un disco MBR. Potresti aver installato un nuovo disco rigido con una tabella delle partizioni GPT che può essere avviata solo con la modalità UEFI. Dopo aver installato il nuovo disco GPT, il computer potrebbe passare il primo ordine di avvio ad esso. Pertanto, si otterrà l'errore del disco formattato GPT.

Questo errore si verificherà anche quando si converte il disco MBR in GPT per l'aggiornamento di Windows 11 senza cambiare la modalità di avvio.

Se il tuo computer supporta la modalità di avvio UEFI e Legacy BISO, otterrai questo errore anche quando disabiliti la modalità UEFI.

Come risolvere il disco formattato GPT avvio lrgacy non supportato

1. Abilitare la modalità di avvio UEFI

Se hai installato una nuova unità sul tuo computer, puoi andare alle impostazioni del BIOS premendo un tasto specifico, di solito F2 o Del, all'avvio. Nella scheda Boot, assicurati che il tuo disco rigido originale sia impostato come primo dispositivo di avvio. Se il tuo computer ha il supporto sia per Legacy che UEFI, puoi andare al BIOS e cambiare il BIOS in modalità UEFI. Per impostazione predefinita, l'ordine di avvio UEFI ha una priorità maggiore rispetto all'ordine di avvio Legacy, quindi puoi anche abilitare entrambe le modalità di avvio Legacy e UEFI, se possibile.

2. Convertire GPT in MBR senza perdita di dati

Se il tuo computer ha solo il supporto per la modalità di avvio Legacy, puoi convertire GPT in MBR, e poi il tuo disco può avviarsi con successo in modalità Legacy. Poiché il computer non può caricare Windows, è necessario creare un supporto di avvio Windows PE per farlo. La maggior parte degli strumenti PE ti permette di convertire GPT in MBR, ma rimuoverà anche tutto sul tuo disco rigido, cosa che potresti trovare inaccettabile.

3. Convertire disco da GPT a MBR con AOMEI Partition Assistant

In questo caso, è necessario reinstallare Windows per risolvere l'errore che non può avviarsi da partizioni UEFI (GPT). Fortunatamente, c'è un gestore di partizioni chiamato AOMEI Partition Assistant che permette di convertire i dischi rigidi da GPT a MBR senza influenzare il sistema operativo. Quando la conversione è fatta, la partizione EFI MSR sarà convertita in una partizione riservata al sistema.

Scarica Software Win 11/0/8.1/8/7/XP
Download   Sicuro

Passo 1. Installa ed esegui AOMEI Partition Assistant Professional su un altro computer. Nell'interfaccia principale, fa clic su "Crea Media di avvio" nel pannello di sinistra e segui la procedura guidata per creare un'unità USB o CD/DVD avviabile.

Creare Media di avvio

Passo 2. Collega il supporto avviabile che avete appena creato al vostro computer che ha un problema di avvio, e avvia da esso.

Passo 3. Apparirà la stessa interfaccia che avete visto in precedenza. Poi clicca con il tasto destro sul disco e selezionate "Convertire in disco MBR".

Convertire disco in MBR

Passo 4. Clicca su "OK" per confermare. Poi puoi vedere in anteprima il risultato del processo. Se non ci sono problemi, fai clic su "Applicare" per applicare questa modifica al tuo disco rigido.

Applicare

Conclusione

Dopo questi passaggi, dovreste essere in grado di avviare il computer con successo senza ricevere l'errore GPT formattato disco legacy boot not supported. Come sapete un disco MBR supporta al massimo 4 partizioni primarie o 3 partizioni primarie più molte partizioni logiche. Se questo disco rigido GPT ha più di 4 partizioni, le partizioni primarie extra saranno automaticamente convertite in partizioni logiche per assicurare che tutti i dati siano intatti. Se si riceve questo errore su un server Windows, è possibile utilizzare AOMEI Partition Assistant Server Edition.